POLIZZE ASSICURATIVE - fisinazionale

seguici su
foto
FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Vai ai contenuti

POLIZZE ASSICURATIVE


CHE COSA E' ASSICURATO?

COPERTURE : RC COLPA GRAVE.

L’Impresa si obbliga – fino alla concorrenza del massimale prescelto ed indicato nel Certificato di Assicurazione – a tenere indenne l’Assicurato da ogni somma che questi sia tenuto a pagare a terzi, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, in conseguenza di fatto colposo (lieve o grave), in ragione di errore o di omissione correlati unicamente all’esercizio dell’attività libero professionale riportata nel Certificato di Assicurazione svolta in regime di convenzione con il S.S.N., in regime di libera professione intramuraria, senza un rapporto contrattuale diretto con il paziente o attraverso la Telemedicina, nel caso di:
  • danni Patrimoniali e non Patrimoniali cagionati a terzi per fatto colposo, errore od omissione, avvenuto nello svolgimento dell’attività libero professionale assicurata;
  • danni Patrimoniali e non Patrimoniali derivanti da interventi di primo soccorso per motivi deontologici anche se tali interventi non sono connessi alla attività professionale dichiarata;
  • danni Patrimoniali e non Patrimoniali derivanti dalla violazione della tutela dei dati personali, sempreché l’Assicurato abbia adempiuto agli obblighi e alle prescrizioni minime di sicurezza imposte dalla normativa vigente;
  • danni Patrimoniali e non Patrimoniali derivanti da incarichi di Mediatore, come definito dal D.lgs 28/2010, limitatamente alle vertenze che rientrino tra le competenze professionali dell’Assicurato;
  • danni Patrimoniali e non Patrimoniali derivanti dallo svolgimento di incarichi di medico competente presso aziende, secondo quanto previsto dal D.lgs. 81/2008 e s.m., in qualità di libero professionista;
  • danni Patrimoniali e non Patrimoniali derivanti dall’attività libero professionale dell’Assicurato di medico legale, medico del lavoro, medico dell’igiene e psicologo;
  • premesso che il medico di assistenza primaria convenzionato può farsi sostituire solo da soggetti abilitati (v. A.C.N.L.), la società risponde anche dei danni Patrimoniali e non Patrimoniali derivanti dall’attività svolta dal sostituto in sostituzione dell’Assicurato;
  • azione di rivalsa o azione amministrativa esercitata nei confronti dell’Assicurato, nei casi previsti dall’Art. 9 della Legge 24/2017, qualora il terzo danneggiato sia stato risarcito sulla base di un titolo giudiziale o stragiudiziale, entro un anno dall’avvenuto pagamento;
  • azione di surrogazione, ai sensi dell’Art. 1916 primo comma c.c., esperita dalla Società di Assicurazione dell’Azienda Sanitaria presso la quale il Medico Assicurato operi, a qualunque titolo, come previsto dall’Art. 9 della Legge 24/2017 qualora la compagnia abbia provveduto al pagamento dell’indennizzo alla struttura assicurata o, per conto della stessa, al terzo danneggiato;
  • azione di rivalsa, ai sensi dell’Art. 12 comma 3 della Legge 24/2017, esperita dalla Compagnia di Assicurazione che copre la RCT del medico che abbia risarcito il soggetto danneggiato per effetto dell’Azione diretta, per le somme non dovute contrattualmente;

In merito, si evidenzia che sino a che non verrà emanato il decreto attuativo di cui all’art. 10 comma 6 della L. 24/2017, l’azione diretta non sarà operativa. Tutto quanto sopra, a condizione che per tali danni l’Assicurato sia dichiarato responsabile per colpa grave, con sentenza dell’autorità giudiziaria competente
Torna ai contenuti