DIARIO LAVORO - FISI NAZIONALE

FISI NAZIONALE
FISI NAZIONALE
Vai ai contenuti

GREEN PASS?....NO GRAZIE! IL VADEMECUM.

FISI NAZIONALE
Pubblicato da in SANITA · 8 Agosto 2021
Da oggi inizia una battaglia contro un Governo, questo Governo rappresentato da Draghi,  che non rappresenta più gli Italiani e l'Italia, che impone leggi razziali e folli discriminazioni tra vaccinati e non vaccinati in contrasto con le leggi ed i regolamenti dell'Europa. Un Governo che di fatto punisce coloro i quali vennero considerati "eroi" nella prima fase della pandemia e che , senza dispositivi di protezione, combatterono a mani nude contro il virus, abbandonati dal Governo che ora si accanisce di più : costretti a dichiararsi "volontari" in un esperimento genico per non essere sospesi dal lavoro e dalla retribuzione. I dittatori del centroamerica , al loro cospetto, sono dei principianti. Il ricatto messo in essere da questo Governo non eletto dal popolo continua con la previsione di un "GREEN PASS" e con l'obbligo di vaccinazione (finto come il Governo che lo ha emanato) anche per il personale scolastico , per i pubblici dipendenti con la prospettiva di prevedere un obbligo per bambini e per tutti i lavoratori del privato. Una vera ecatombe di cui non si conoscono i danni a medio e lungo termine e che rigorosamente passa attraverso la firma di un "consenso informato" che di informato ha solo la firma, con cui chi la appone libera da ogni responsabilità il personale che la pratica ed il Governo che non riconoscerà un euro per gli eventi avversi. E' ora di alzare la testa e di smascherare le bugie di questo Governo! Il GREEN PASS non è obbligatorio, anzi è in contrasto con i regolamenti europei e quindi nullo. Ma questo lo sa anche il Governo...di fatti , come ben riportato all'art. 4 , punto 2) del DECRETO-LEGGE 23 luglio 2021, n. 105 (che regola gli ingressi in zona bianca attraverso l'uso del GREEN PASS) "Le disposizioni dei commi da 1 a 8 continuano ad applicarsi ove compatibili con i regolamenti (UE) 2021/953 e 2021/954 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2021.» Prima di vedere cosa dicono questi regolamenti europei bisogna spiegare cosa sono : Il regolamento Europeo è un atto giuridico derivato di portata generale  rispetto ai destinatari (istituzioni UE, Stati membri, privati), obbligatorio in tutte le sue parti e direttamente applicabile negli ordinamenti interni degli Stati membri.  Non ha in pratica bisogno di atti di recepimento per essere efficace all’interno dello Stato. Risulta dunque essere self-executing  dalla sua entrata in vigore. Posto ciò vediamo cosa prevedono i regolamenti. Il paragrafo "36" del Regolamento UE n 953/2021 (che è quello che ci interessa) prevede che: " È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate,  per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il  vaccino anti COVID-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o  perché non hanno ancora avuto l'opportunità di essere vaccinate o hanno scelto di non  essere vaccinate. Pertanto …». Dalla lettura del combinato disposto (D.L. n 105/2021 e Regolamento UE 2021/953) è chiaro che l'art. 4 del D.L. 105/2021 non è compatibile con il regolamento UE 2021/953 e pertanto non è applicabile la limitazione a chi , a qualunque titolo, non è vaccinato. Il Governo Italiano ben sapeva  di questa inapplicabilità poichè il Decreto Italiano è stato emesso dopo che l'Europa aveva già emanato il regolamento. Ma allora perchè? Semplice , ancora una volta, il Governo non ha e non vuole responsabilità delegando ai servi sciocchi: chi , in buona fede, applica il D.L. n 105/2021 si espone a denuncia poichè il Governo ha sancito , come già riportato precedentemente,  all'art. 4 , punto 2) del DECRETO-LEGGE 23 luglio 2021, n. 105 (che regola gli ingressi in zona bianca attraverso l'uso del GREEN PASS) "Le disposizioni dei commi da 1 a 8 continuano ad applicarsi ove compatibili con i regolamenti (UE) 2021/953 e 2021/954 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2021.» Chi - in qualità di esercente applicherà , dunque, il D.L. 105 /2021 si assumerà tutte le responsabilità e potrà essere denunciato poichè , siccome il divieto di accesso alla propria struttura o attività commerciale non è compatibile con detto regolamento UE, avrà abusato del potere "previsto" dalla legge e sarà andato oltre, in quanto "doveva sapere" e non poteva non sapere...Il classico gioco delle tre carte...fatto da un Governo di incapaci in malafede. Dopo aver ammazzato migliaia di pazienti con la "vigile attesa e la tachipirina"  ed aver messo gli Italiani l'uno contro gli altri , ora termina il suo compito cercando di imporre leggi anticostituzionali ed in contrasto con l'Europa in accordo con 20 "RAS" (Presidenti di Regione) che , quotidianamente, minacciano restrizioni ulteriori , sospendono personale sanitario e vogliono imporre il GREEN PASS a docenti, personale ATA e alunni. Questa volta , ancora una volta, troverete un dissenso che vi travolgerà ed a nulla vi servirà controllare , come state facendo, l'informazione...I nostri canali informativi sono i più seguiti...i vostri solo rappresentazioni teatrali di cattivo gusto messe in scena dai vostri servi sciocchi.
Qui sotto per tutti coloro che vogliono contestare l'utilizzo del GREEN PASS vi è tutto il materiale necessario: D.L. 105/2021 con riferimento evidenziato, Regolamento U.E. 2021/953 con modifica evidenziata e volantino con le informazioni necessarie per quanti esercenti e commercianti  vorranno motivare ed ostentare all'ingresso del loro locale la nullità del GREEN PASS. Il Volantino è personalizzato con il logo FISI per il solo motivo che chi propone una protesta deve assumersi tutte le responsabilità di quello che afferma. di sotto il materiale:




FISI -  via Ceffato , 127 ,  84025 Eboli (SA)
+39 0828 210897  |  +39 0828  212558 (fax)
info@fisinazionale.it

Created by fisinazionale

FISI NAZIONALE
Torna ai contenuti