DIARIO SANITA' - fisinazionale

DIPARTIMENTO NAZIONALE PROFESSIONI SANITARIE DELLA FSI - USAE
seguici su
foto
FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Dipartimento Professioni Sanitarie. Sede nazionale : via Ceffato, 127 - 84025 Eboli (SA)
logo
Vai ai contenuti

PER UNA ITALIA CHE NON HA PIU NIENTE DA PERDERE...

fisinazionale
Pubblicato da in NAZIONE ·
Per una Italia che non ha più niente da perdere, una Italia che .....non ha paura. A dirlo è il Partito Democratico in manifestazione a Roma lo scorso 30 settembre 2018 contro il Governo a matrice Lega - M5S. Ad appoggiare il P.D. anche CGIL, CISL e UIL - come rimbalzato sui social e sui comunicati stampa (sole 24 ore ad esempio) - a sancire accordi sempre esistiti tra sindacati di comodo e governo di centro sinistra. Le recenti cronache parlano una imposizione collettiva di Contratti di Lavoro nel Pubblico Impiego con una strana tempistica elettorale: Sanità ed Enti Locali sono un esempio, CGIl CISL e UIL ben sapendo che se avessero firmato il CCNL avrebbero buttato fuori tutti gli altri Sindacati non  firmatari hanno tentato il golpe , tuttavia senza riuscirci o riuscendoci in parte solo con qualche sindacato delle professioni sanitarie. Che era tutto da rimettere in discussione dopo le elezioni era chiaro, ma non è stata chiara al centro sinistra la "sberla elettorale" susseguitasi . Magicamente ora, il centro sinistra, dimenticando il meretricio operato diventa "vergine" e si preoccupa del futuro degli Italiani e della spesa pubblica: non è possibile "sperperare" il 2,4 % del PIL indebitando gli italiani per dare reddito di cittadinanza , flat tax e quota 100 per le pensioni ! come si fa ad impiegare 10 miliardi di euro per il reddito di cittadinanza!.......... ma la risposta è altrettanto semplice: si prendono dalle stesse casse con cui si sono pagati oltre 10 miliardi di euro alle banche e dallo sforamento del 2,4 e passa operato dal centro sinistra con il beneplacito di CGIL , CISL e UIL negli ultimi anni di governo del centro sinistra per far bene alle banche destinandolo, invece,  ai cittadini Italiani. E' forse questo che va male? che azioni di "sinistra" o di "destra sociale" vengano operate da partiti che non sono di sinistra e non sono di destra? Al Governo diciamo andate avanti cercando soluzioni diverse da quelle adottate dai passati Governi senza ascolto e confronto  alcuno con una Triplice Sindacale corresponsabile dello scempio insieme al P.D. ed al centro sinistra, sempre più sudditi di una Europa ingiusta e di poteri forti bancari .



Nessun commento


Torna ai contenuti