DIARIO SANITA' - fisinazionale

seguici su
foto
FEDERAZIONE
ITALIANA
SINDACATI
INTERCATEGORIALI
Vai ai contenuti

FISI: DOPO IL DECRETO CURA ITALIA, CHIEDIAMO UN DECRETO RESPIRA ITALIA

fisinazionale
Pubblicato da in NAZIONE · 27 Marzo 2020
Formalmente inviata una proposta da parte della FISI al Governo Italiano per dare "Un respiro" agli Italiani che possa farli ripartire nel più breve tempo possibile.
Questo è il testo:

Le proposte  vengono portate  nella convinzione che bisogna dare “un respiro” a tutti gli italiani che in queste ultime settimane lo hanno perso per una serie di ragioni legate a questa virosi. In sintesi:
 
 
o   Sospensione di tutti i mutui ipotecari, mutui chirografici e prestiti a qualsiasi titolo per 6 mesi, posticipando di 6 mesi la fine delle scadenze degli stessi e senza alcun impegno di spesa per lo Stato. Tale azione permetterebbe ad ogni cittadino di essere “pronto” a fine pandemia per una ripartenza migliore.
 
 
o   Applicare una FLAT TAX “HEALTH” come sistema fiscale non progressivo, basato su una aliquota fissa, al netto di eventuali deduzioni fiscali o detrazioni, pari al 10% a tutti gli operatori sanitari fino al 31 dicembre 2020. Il numero di morti e contagiati e l’impegno profuso da parte di tutti gli operatori sanitari della sanità pubblica che hanno esposto sé stessi e le proprie famiglie per assistere centinaia di migliaia di pazienti, impone moralmente un piccolo riconoscimento economico a chi in maniera indefessa ha continuato a lavorare anche senza dispositivi di protezione e senza alcun proclama.
 
 
o   Integrazione dei periodi di ferie d’ufficio, a seguito dell’emergenza COVID19, nel computo della cassa integrazione in deroga laddove prevista. Bruciate, infatti, le ferie del 2020 dei dipendenti. Tale fatto impedirebbe la usufruizione delle ferie estive ai dipendenti che sono stati fatti oggetto dell’uso delle ferie d’ufficio prima della cassa integrazione e si ribalterebbe sull’economia Italiana a fine pandemia con l’impossibilità di godere delle ferie e far girare l’economia.
Confidiamo nella sensibilità dei nostri governanti,




Nessun commento

Torna ai contenuti